Il Territorio

La Collina dei Camaldoli, con i suoi 485 metri sul livello del mare, è il rilievo più alto della città di Napoli. Antichissime sono le origini di Camaldoli, la cui primitiva denominazione era Monte Prospetto. Tale nome risalirebbe alla prospettiva che si gode dall'Eremo, essendo costruito con facciata principale sul lato che dà su Soccavo, e visibile fin dal mare, non appena una nave entra in porto. La sua origine viene fatta risalire a circa 35.000 anni fa, in seguito a violente eruzioni che colpirono tutta l'area vulcanica dei Campi Flegrei.
I due versanti sono caratterizzati da differenze sostanziali: il versante sud è caratterizzato da rupi scoscese composte da rocce di tufo; il versante nord è in lieve declivio ed è ricoperto da un folto bosco ceduo.

NATURA

Camaldoli è forse il luogo più famoso del Parco per l'elevato valore naturale e spirituale della foresta del millenario insediamento monastico in cui l'Abete Bianco (Abies alba) ne è diventato un simbolo. La foresta rappresenta la salvaguardia del silenzio e della solitudine. Prima di osservare il bosco non possiamo non dare uno sguardo a quegli organismi che popolano la superficie di rocce nude: i muschi e licheni. Questi due rappresentanti del mondo vegetale si sono specializzati a vivere in ambienti ostili dove il suolo è quasi inesistente oppure estremamente sottile ed arido. Il loro ruolo è indispensabile per l'evoluzione delle forme più complesse quale è il bosc
territori1

I Rossi

Troverete un'ampia scelta di vini rossi e una qualità che affonda le proprie radici nella grande tradizione enologica della Campania.

Vedi ...

i Bianchi

Chi entra nelle nostre cantine trova grandi vini, molte piacevoli sorprese e qualche nuovo amico con cui degustare del buon vino.

Vedi ...

le Confezioni

L'azienda agricola Quaranta mette a disposizione la scelta di confezioni regalo. Questo vi permetterà di poter fare un regalo davvero unico.

Vedi ...